Louis François CASSAS

(Azay le Ferron 1756 – Versailles 1827)


Il Monte Palatino


Incisione al tratto acquerellata
cm. 54,5 x 83

Descrizione

La veduta presa dall’Aventino, uno dei sette colli di Roma, propone uno sguardo interessante sulle rovine dei Palazzi Imperiali situate sull’antistante Palatino, “colle Imperiale” per eccellenza.

In tale opera l’osservatore legge la scena con una graduale scansione dello spazio. In primo piano personaggi discutono seduti su resti di rovine alla base di un piano marittimo che funge da divisore scenico dell’opera. Più in basso è interessante notare come lo spazio del Circo Massimo era stato diviso da opere murarie che delimitavano i confini di piccoli orti. Anche in questo caso la scena è vivacizzata sulla destra dalla presenza di personaggi in abiti contemporanei.

Proseguendo con lo sguardo verso la parte superiore dell’opera sono visibili le rovine dei Palazzi Imperiali, sull’estrema destra si intuisce lo scorcio di un campanile presumibilmente identificabile come appartenente alla chiesa di San Gregorio al Celio.

I colori sono luminosi e la luce pomeridiana pervade la scena donando un senso romantico all’intera opera.

Louis-François Cassas giunse in Italia nel 1778 visitando Roma, Venezia, Napoli e la Sicilia. Appuntò nei suoi taccuini schizzi di tutto ciò che vide mostrando particolare attenzione per le rovine Romane, memori della grandezza dell’antica civiltà.

"... i disegni di Cassas mostrano una inusuale bellezza. Sono rapito da ciò che trasmettono” scrisse Johan Wolfgang von Goethe, uno dei massimi esponenti della letteratura del Romanticismo, movimento che interessò anche la musica e la pittura agli inizi dell’Ottocento. Il Romanticismo esaltava la sublime bellezza della natura e i pittori la tradussero in scene sublimi, esotiche, trascendentali e misteriose.

Cassas reinterpretò, con la forza descrittiva della natura, soggetti cari ai paesaggisti neoclassici, rileggendoli in chiave sublime. Cassas espose le vedute dei suoi viaggi ai Salon del 1804 e 1814.


 view