TEFAF 2016

GALLERIA FRANCESCA ANTONACCI - DAMIANO LAPICCIRELLA 
FINE ART

STAND 717

TEFAF MAASTRICHT -
11- 20 marzo 2016

Nell'edizione di quest'anno del TEFAF presentiamo una selezione di opere prevalentemente inedite che vanno dalla fine del '500 al primo '900, concentrando la scelta sull'arte italiana e sul Grand Tour.

Tra le opere più significative:

● Quattro importanti disegni di grandi dimensioni, provenienti dalla collezione del Principe Henri d’Orleans conte di Parigi. Sono opera di Jakob Philipp Hackert le cui vedute ebbero enorme successo non solo a Roma ma in tutta l'Europa. Attorno al 1780 era considerato infatti il più famoso e richiesto paesaggista. Nel 1782 re Ferdinando IV Borbone di Napoli, gli chiese di entrare al suo servizio e nel 1786 divenne primo pittore di corte.
I disegni presentati dimostrano in modo impressionante la maestria di Hackert nel trascrivere le sembianze di un paesaggio, concentrandosi sui dati per lui essenziali. Eliminando fattori come i colori oppure effetti di luce e ombra, l'artista annota le particolarità delle contrade attraversate solamente con linee di contorno, riducendo la realtà visibile ad una struttura grafica che comunque comprende tutte le informazioni necessarie. Alberi, animali e formazioni di rocce sono resi con grande realismo. I disegni sono caratterizzati da un fitto susseguirsi di forme diverse che l'artista mette in contrasto con i cieli alti e limpidi e i corsi d'acqua che sono indicati soltanto dalla carta vuota. Qui si manifesta ancora una volta la grande bravura di Hackert che in questo modo evita di stancare lo sguardo dello spettatore. L'artista tenne per se molti disegni perché costituivano in un certo senso la sua memoria figurativa. Infatti scrisse soddisfatto in vecchiaia a Johann Wolfgang Goethe (1749-1832), conosciuto a Napoli nel 1787: "Non mi mancano i soggetti, ho fatto migliaia di disegni secondo natura con correttezza e quindi posso dire che ho quasi tutto lo Stato Pontificio e il Regno di Napoli nelle mie cartelle".
Facendo parte del gruppo dei primi schizzi del pittore e quindi del suo prezioso archivio di immagini, i disegni presentati a TEFAF possono essere definiti importanti anche per via della loro illustre provenienza che conduce direttamente all'artista stesso. Claudia Nordhoff, considerata una delle massime studiose di Hackert, ha pubblicato 2 fogli nel suo libro Jakob Philipp Hackert, Briefe (1761-1806). Gottinga 2012 p. 272 e 612 nel 2012.

● Gruppo di cinque disegni Giacomo Balla (Torino 1871 - Roma 1958) del periodo Futurista, provenienti da una prestigiosa collezione privata. Principale artefice della corrente Futurista, questo artista italiano del novecento, continua a suscitare un crescente interesse nel collezionismo internazionale. I disegni presentati a TEFAF hanno fatto parte di diverse esposizioni dedicate al Futurismo. Tra queste ricordiamo quella al National Museum of China di Shanghai nel 2010, al Guangdong Museum Art di Canton nel 2011 e al Gugghenheim Museum di New York nel 2014. L'ultima è stata organizzata l'autunno scorso dalla Fondazione Magnani Rocca di Parma.

● Alcune opere del raro e sofisticato artista Italico Brass (Gorizia 1870 – Venezia 1943) tra cui il dipinto Il Caffe’ Lavena in Piazza San Marco a Venezia. Datato 1911 e presentato alla X Biennale di Venezia nel 1912, rappresenta uno spaccato di vita quotidiana a Venezia poco prima dell’inizio della Prima Guerra Mondiale. Considerato veneziano per aver trascorso in questa città quasi tutta la sua vita, Italico Brass diviene pittore di vedutismo lagunare tanto da essere definito il Guardi del ‘900. Di tutt'altro genere è l'eccezionale insieme di tre disegni ispirati ai tragici momenti della Prima Guerra Mondiale. Questo fu un argomento particolarmente sentito da Brass che ha voluto seguire come volontario il suo unico figlio, Alessandro, chiamato alle armi allo scoppio del conflitto mondiale. Una testimonianza della capacità pittorica e sentimentale dell’artista, pittore colto, sensibile e capace, protagonista di numerose esposizioni internazionali, tra cui l'Esposizione Mondiale di San Francisco nel 2015, dove gli fu conferita  la medaglia d'oro per il dipinto Il Ponte sulla Laguna. Nel 1908 il celebre poeta Ezra Pound gli dedicò la poesia For Italico Brass, dove paragona la pittura di Brass a quella di Monet, che il pittore veneto ha occasione di incontrare a Parigi e con il quale condivide l’amore per la pittura en plein air.

● Un importante disegno di Conrad Martin Metz (Bonn 1749 - Roma 1827) raffigurante Il Trionfo di Venere. Il foglio è datato 1819 ed è una delle opere della fase matura dell’artista. L'episodio s'ispira alla storia narrata da Esiodo, secondo cui Venere prendeva vita dalla schiuma del mare. La dea, che occupa la posizione centrale della composizione, è rappresentata sopra una conchiglia con a fianco il figlio Eros, alla sua destra Nettuno seduto su un grande carro trainato da cavalli ed a sinistra le tre grazie che le offrono corone di fiori. Sullo sfondo il carro di Apollo si dirige verso l’alto dove, tra le nuvole dell’Olimpo, troneggia Zeus. L’opera, nonostante il caotico affollamento dei personaggi, è caratterizzata da una linea grafica delicata e morbida che rende l’intera composizione estremamente elegante.

 
test